Yoga per superare la precarietà

Groups audience: 

Organizzato da Centro Yoga Ishwara
con il Patrocinio del Comune di Modena

La crisi economica e il malessere psicologico:
come superare momenti di disagio
legati alla precarietà economica
con tecniche di rilassamento, Yoga, PNL & ACT

La situazione di crisi generalizzata che ci troviamo a vivere negli ultimi anni ha causato, oltre ai problemi economici, anche problemi di salute legati all’ansia e allo stress. La crisi lavorativa sta mettendo in discussione le certezze esistenziali, portando la persona in una costante instabilità emotiva.

Il centro Yoga Ishwara di Modena, propone un metodo basato sull'integrazione di tecniche della tradizione Yoga e il pragmatismo di moderne esperienze derivate dalla PNL (Programmazione Neuro Linguistica) e dall’ACT (Acceptance and Commitment Therapy).
Il percorso proposto ha l’obiettivo di aiutare i partecipanti “ad aiutarsi”, a rifocalizzare le proprie risorse incrementando la capacità di rispondere in modo positivo a una crisi, a trasformare l’effetto di pensieri ed emozioni negativi per agevolare una visione più serena e lucida della situazione vissuta.

Il percorso si svilupperà in diversi incontri (lezioni e seminari di approfondimento a cadenza quindicinale )
presso Centro Yoga Ishwara
Strada San Faustino 157/M – Windsor Park Modena

A partire da Ottobre 2014 fino a Giugno 2015

PRIMO INCONTRO SABATO 8 NOVEMBRE ore 14.30

L'intento è di proporre un programma efficace per contrastare l'ansia intervenendo su corpo-respiro e pensiero, offrendo uno stato di maggior centratura, e sicurezza di sé.

Il percorso prevederà tecniche di rilassamento, tecniche corporee per lo scioglimento delle tensioni psicosomatiche, Yoga e meditazione, esercizi di ricarica energetica, ed esercizi linguistici di consapevolezza e scoperta delle proprie risorse interne.
In definitiva, ciò che viene offerto ai partecipanti,
è la possibilità di intravedere un fondamentale cambiamento di prospettiva: uno spostamento nel modo in cui viene considerata la propria esperienza personale.

In collaborazione con: Aldo Perasso, Veronica Barucco, Marcello Paganelli

Comments